Articles

Simple chord substitutions

Memorizza queste coppie relative maggiori/minori e avrai un sacco di possibili sostituzioni nella tua casella degli strumenti di songwriting.

La iii per la I

All’interno della famiglia di accordi diatonici (vedi questa lezione introduttiva sulle progressioni di accordi), un’altra buona sostituzione da provare è la iii per la I. Nella chiave di Sol, ciò significa sostituire un Bm per un G. In Do, l’accordo iii è un Em. Il iii fa un bel accordo di transizione tra I e IV e tra I e V.

Minori in major

Puoi anche sostituire accordi al di fuori della famiglia diatonica, a volte chiamati accordi nondiatonici. Questi accordi spiccano più in una progressione di accordi diatonici fanno, perché includono note non nella scala della chiave della canzone, e possono essere utilizzati con grande effetto. Ecco alcuni esempi che comportano la sostituzione di accordi maggiori per il ii, iii e vi-gli accordi minori diatonici in chiave maggiore.

Innanzitutto, confronta queste due progressioni. Il primo ha un diatonico minore ii (Am), e il secondo ha un maggiore II (A). Si noti il contrasto nel suono anche se cambia solo una nota.

I ii V
G Am D

I II V
G A D

Provenendo dall’I, il II (spesso suonato come un II7, un settimo accordo) tira forte verso il V, e quindi è più spesso seguito da un V. Puoi ascoltare questa sequenza II–V–I in molti brani country e bluegrass—come questo classico:

“Ehi, bello”, Hank Williams:

I II V7 I V7

Per ascoltare questa canzone e altre in questa lezione, controlla la playlist di Spotify qui sotto.

Usare la III maggiore (o III7) al posto della iii minore diatonica ha un effetto simile a sostituire la II maggiore con la ii minore. Ecco alcuni esempi notevoli.

“Treno merci”, Elizabeth Cotten:

I V7 I

III IV I V I

“Di nuovo sulla strada”, Willie Nelson:

I III7 ii IV V

L’uso di un VI maggiore piuttosto che del vi minore diatonico crea un forte ragtimey suono, come sentito in queste canzoni.

“Alice’s Restaurant Massacre”, Arlo Guthrie:

I VI7 II7 V I

“Nessuno ti conosce quando sei giù e fuori”, Eric Clapton (Jimmy Cox):

I III7 VI ii VI ii

IV I VI II7 V7

“(Seduto su) il molo della baia,” Otis Redding:

coro I VI I VI / I II I VI